Blog

Quarant'anni di "Stop Bajon": intervista a Tullio De Piscopo che celebra con un nuovo remix

Quarant'anni fa, il singolo "Stop Bajon" rappresentò un'avanguardia per il rap napoletano, una composizione storica nata dall'incontro tra le ritmiche innovative di Tullio De Piscopo e la genialità musicale di Pino Daniele. Oggi, per celebrare questo anniversario, De Piscopo ha rilasciato un nuovo remix del brano, disponibile in un'edizione limitata su Picture Disc, pubblicata e distribuita da Cimbarecord.

Il nuovo remix include sia le versioni Radio che Extended di "Stop Bajon", oltre a due composizioni originali di batteria, "Afro Cubano" e "Medium Rock", presenti per la prima volta nell'LP del 1974 "Suonando la Batteria Moderna". A completare la tracklist, il brano "Funky Virus".

Quest'anno ricorre il quarantesimo anniversario (1984 - 2024) della pubblicazione di "Stop Bajon", registrato nel 1984 a Formia negli studi Bagaria di Pino Daniele. Alla registrazione partecipò un prestigioso gruppo di musicisti, tra cui il grande jazzista Don Cherry al pocket trumpet e alla chitarra africana dussun'guni, Famadou Don Moye dell'Art Ensemble of Chicago alla ritmica, Rino Zurzolo al basso, Joe Amoruso alle tastiere, oltre a Pino Daniele alla chitarra e Tullio De Piscopo alla batteria e alle percussioni.

Il titolo "Stop Bajon" fu scelto da De Piscopo come omaggio al ritmo del ballo latino-americano che suo padre, anche lui batterista, gli aveva insegnato da bambino. Tuttavia, questo ritmo venne reinterpretato con un sound innovativo, partendo dai timpani e tom tom che ne costituivano l'ossatura portante, e con l'aggiunta della parola "stop" per indicare l'arrivo di un nuovo "bajon", un simbolo del fermento musicale di una Napoli in evoluzione.

Negli anni, "Stop Bajon" ha avuto una diffusione mondiale, raggiungendo il primo posto nelle classifiche in Inghilterra e in tutta Europa, e rimanendo sempre molto apprezzato dal pubblico. Il popolare DJ americano Ron Hardy suonava "Stop Bajon" durante la creazione della House Music a San Francisco negli anni '80. Da allora, molti grandi DJ europei hanno creato i loro remix del brano, tra cui Ashley Beedle, Parcels Band, Thomas Bangalter, Bob Sinclair, Gaspard Augé e Michael Gray, che ha realizzato un remix due anni fa.

Dopo aver esaurito rapidamente le poche copie del vinile uscito per il Record Store Day, l'etichetta ha deciso di pubblicare e distribuire il Picture Disc, permettendo così a nuovi e vecchi fan di riscoprire e apprezzare questo pezzo iconico della storia musicale napoletana.